Da dove nascono i problemi di stabilità della rete VPN aziendale

Posted by Pietro Giacchetti on 15/03/17 18.21
Find me on:

Quando si fanno analisi a una rete si guarda tendenzialmente sempre gli stessi parametri. Tutti conoscono latenza e velocità di banda. Un po' meno considerano il packet loss rate fra i problemi. Ancora meno controllano il parametro che misura la stabilità della rete, che si chiama jitter. Ma una rete instabile può subire disturbi come sfarfallii e interferenze, rallentare la capacità di elaborazione dei processori e in certi casi porta a perdere dati. Questo diventa particolarmente problematico nelle comunicazioni in tempo reale, come il VoIP e le videoconferenze e nella gestione di desktop virtuali (VDI). Avere Jitter significa che le informazioni arrivano a destinazione in tempi diversi e persino in un ordine diverso da quello previsto.

problemi di stabilità della rete VPN aziendale jitter

Cos'è e come si calcola?

Nel pensare a una rete "instabile" spesso si intende semplicemente che questa, a tratti, non funziona. Questo è riduttivo. Infatti non è solo una questione di essere o non essere connessi ad internet. Se si è sempre connessi ma con una latenza irregolare, anche se il flusso di dati up/down non si interrompe mai, la qualità ne risente. Il jitter è un valore matematico - una varianza - che rappresenta "quanto varia statisticamente la latenza di una rete rispetto alla sua media". Faccio un esempio pratico.

Se misuro la latenza per tre volte e ottengo 50, 100 e 300 ms, significa che la mia latenza media è di 150. Quindi calcolo quanto varia ciascun valore rispetto alla media (in valore assoluto): 50-150, 100-150 e 300-150. Le tre variazioni che ottengo sono 50, 100 e 150 e la loro media è 100. Ho ottenuto la media delle variazioni della latenza rispetto alla media della latenza, abbastanza complicato, giusto? E non è ancora finito! Il jitter è questo valore che abbiamo trovato, diviso la media della latenza, in percentuale. In questo caso 100/150 fa 66%. Questa percentuale è il jitter. Spesso si considera direttamente il valore della variazione media, in questo caso 100 ms. È l'indice più importante sui problemi di stabilità della rete VPN aziendale e sulle altre reti.

Una rete con un jitter molto ampio (come quella dell'esempio) avrà una latenza molto irregolare. Se i valori di latenza fossero stati invece 99, 100 e 101 ms, il jitter sarebbe stato minore del punto percentuale e la latenza praticamente costante. Trovare i dati sulla propria latenza è abbastanza facile e lo si può fare dal prompt di Windows o dal terminale del Mac. Vi consiglio di guardare come dalla nostra guida alla valutazione della vpn. Altrimenti si possono usare direttamente alcuni strumenti come il test di Eolo o quelli di cui parliamo nell'articolo sulla valutazione delle reti.

Da dove nasce il jitter?

In un sistema di rete ideale i pacchetti vengono trasmessi in dei flussi continui e uniformemente distanziati. In realtà diverse cause possono portare alla congestione della rete e quindi al jitter, per esempio:

  1. Un carico di traffico troppo alto può portare a livelli inaccettabili di variazione di latenza. Quindi si tratta di un problema di congestione della rete, solitamente concentrato in un solo router. Viene accompagnato spesso da ampio packet loss.
  2. Errori di configurazione che portano a una cattiva gestione delle code di pacchetti da parte del sistema. Caso che, per le normali reti internet è abbastanza raro.
  3. Cattivo instradamento dei dati. Se la rotta della comunicazione cambia frequentemente, cambia rapidamente anche la latenza. Questo è uno dei motivi principali del jitter su reti che collegano posti lontani, come le VPN intercontinentali.
  4. Tra le cause, forse meno probabili, ci sono anche le interferenze elettromagnetiche (EMI) e le interferenze con altri segnali. Se, per esempio, un cavo di rete passa a fianco a un cavo elettrico ad alto amperaggio insorgono interferenze.

L'instabilità generata da queste cause può essere più o meno alta. Il fatto che sia ammissibile dipende fortemente dall'applicazione in uso.

Come intervenire

Il primo consiglio è sempre: verificare che il problema sia l'instabilità. Fare un'indagine è facile e consente di capire, tra le altre cose, se il vostro provider sta facendo quanto dovrebbe aver garantito nel contratto, la checklist nel link sotto vi può aiutare alla grande. Come seconda cosa, il consiglio è quello di imporre, per quanto possibile, almeno il routing dei dati. In questo modo problemi come quello dell'instradamento variabile o dalle prestazioni altalenanti verrà risolto. Usare una sd-WAN per farlo potrebbe essere la salvezza per chi non ha grossi budget da investire.

 

che

 

Topics: azienda, vpn, packet loss, jitter

Benvenuto nel blog di JETVPN!

In questo blog vengono pubblicati articoli dai tecnici di rete di JETVPN.

Troverete consigli, notizie e molto altro materiale sulle reti VPN aziendali e su come garantirsi il miglior servizio possibile, qualunque sia il luogo o le prestazioni che si desiderano raggiungere.

Iscriviti alla nostra newsletter e saprai sempre:

  • Dove si annidano i punti deboli della tua rete
  • Come eliminare ogni collo di bottiglia sulla VPN
  • Tutte le possibilità di risparmio sulla rete
  • E tutte le novità sui nostri servizi

Iscriviti per aggiornamenti:

Gli ultimi post